Il polline d’api

Il polline è il materiale grazie al quale il mondo vegetale si riproduce: è composto da sostanze nobili (oligominerali) che la pianta ha fatto affluire o levitare al suo organo riproduttivo, fiore.

Il polline d’api è un cibo alcalino ritenuto dai nutrizionisti uno degli alimenti più completi che si trovino in natura.

 

I suoi benefici comprendono:

• Alti livelli di antiossidanti che contribuiscono alla longevità neutralizzando i radicali liberi e inoltre rendono più efficace l’azione delle erbe medicinali.

• Potente effetto afrodisiaco e aumento della fertilità. Il polline riduce problemi alla prostata ringiovanendo gli organi sessuali grazie al suo contenuto di sostanze ormonali. Il polline infatti aumenta la pressione sanguigna in questi individui.

• Aumenta la forza, la resistenza, l’energia e la velocità. Permette una veloce ripresa dopo l’esercizio fisico riportando anche il battito cardiaco a frequenze normali.

• Favorisce la crescita e la definizione muscolare. Lo British Sports Council ha riscontrato un aumento di forza del 40% e di statura in tutti i soggetti del test che assumevano polline.

• Riduce la produzione di stamine, neutralizzando molte allergie.

• La massiccia presenza di Vit B contribuisce a formare il nostro scudo anti stress.

• Più di 40 studi scientifici documentano l’efficacia terapeutica dell’assunzione di polline d’api e l’assenza di effetti negativi. I test clinici rilevano che le particelle di polline assunte via orale vengono assorbite in modo rapido e agevole poiché dallo stomaco entrano direttamente nel circolo sanguigno. Inoltre dopo solo 2 ore dall’assunzione si riscontra la presenza nel sangue, nel liquido cerebrospinale e nell’urina.

• È fonte di 18 vitamine

• In base alle ricerche condotte in Francia, Italia e unione
Sovietica, il polline è una delle più ricche fonti proteiche biodisponibili in natura e consiste per il 25% di proteine. Si stima che il polline sia 5/7 volte più proteico della carne.

È divertente sottolineare che il polline contiene fino a 11 enzimi principali, tutti molto utili alla digestione. Una quantità appena di 130 mg di polline è in grado di coadiuvare la digestione di un chilo e mezzo di cibo. Gli esperimenti scientifici dimostrano che chi assume polline riduce del 15/20% l’apporto alimentare giornaliero.

Io lo mangio a colazione e dopo allenamento. Ne prendo 1 cucchiaino, é possibile trovarlo in granuli, come puoi vedere nella mia foto oppure in polvere. Al momento l’ho trovato esclusivamente su Amazon.

Grazie per il tempo che mi hai dedicato.

#danieleesposito #ilmetodo®
Bibliografia
Superfood David Wolfe
Primordial Food Drapeau 2003
Nutrition and Physical degeneration Prince 2008

Vuoi un percorso personalizzato?
​Contattami