Quanto incide il senso di colpa sulla bilancia?

SGARRARE È SEMPRE LA VERA CAUSA DELL’AUMENTO DEL PESO… O IL SENSO DI COLPA POTREBBE INCIDERE?

Uno studio Olandese afferma che la condizione psicologica è un fattore determinante nei regimi alimentari intrapresi.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Psychology & Health, rivela che non è importante soltanto mangiare in maniera più sana per perdere i chili in eccesso, ma conta anche lo STATO D’ANIMO con il quale ci accostiamo al cibo. Se dunque ci sentiamo responsabili di aver commesso un reato quando consumiamo un pasto o mangiamo un alimento fuori dal regime imposto, questa condizione psicologica ostacolerà tutte le nostre buone intenzioni di rientrarci, ribaltando l’esito del nostro progetto: vogliamo dimagrire e invece saremo destinati a veder crescere il nostro peso.

Ecco perché se fai uno sgarro e ti senti in colpa di quello che stai facendo, ingrassi a differenza di chi sgarra sorridendo e continua a dimagrire. La tiroide ha anche un lato oscuro: un ormone chiamato t3 inverso (RT3). E’ un po’ come quel parente inopportuno che si presenta improvvisamente a casa la vigilia di Natale ma non sa comportarsi come si deve, e inevitabilmente rovina la cena a tutti. E’ un ormone tiroideo deformato che non è molto efficace nello stimolare il metabolismo, anzi, impedisce agli ormoni t3 di funzionare come dovrebbero (dimagrimento).

La sua funzione e quella di inibire il dimagrimento acuto e impedire che il corpo vada in catabolismo :ovviamente questo ormone ha la sua importante funzione per salvaguardare il corpo, infatti è una risposta brillante per impedire che il corpo vada in riserva e patisca di fame.

Nelle situazioni di stress cronico, di privazione nutrizionale (quando si mangia meno di quanto si dovrebbe), gli ormoni RT3 lanciano un messaggio di allarme rosso al vostro organismo e vanno immediatamente a bloccare i siti recettori del T3. E’ Come se gettassero dell’acqua sul fuoco del vostro metabolismo nel tentativo disperato di preservare le vostre riserve di grasso in modo che non moriate a causa di quella che per il vostro organismo è una situazione carestia catastrofica. (ovviamente tutto questo accade se mangiate meno di quanto dovreste tipo saltare gli spuntini, mangiare la metà della porzione prevista, saltate la cena).

Quindi prima di intraprendere un percorso alimentare per dimagrire e sentirsi meglio, fate pace col cibo ! il vostro metabolismo lo vuole e ne ha bisogno. Ecco perché quando sgarrate dovrete affrontare la situazione senza stress, anzi godendovi il momento e rimboccandovi le maniche il giorno dopo. Lo stress a causa dell’ormone RT3 innescherà automaticamente IL PROCESSO DI IMMAGAZZINAMENTO DEL GRASSO.

Invertendo la reazione in vista di una cena inaspettata, uno sgarro infrasettimanale, andremo a fare molto di più per il vostro metabolismo e sicuramente continueremo a dimagrire anche con lo sgarro.

In conclusione: serve equilibrio nell’approccio al cibo, a volte anche concedersi o “premiarsi”, ma sempre con serenità; altrimenti la perdita di peso resterà un miraggio.

Vuoi un percorso personalizzato?
​Contattami

Daniele Esposito