Vincenzo Fernandez

Data di inizio: 04/10/2016 – Durata: 8 mesi

Ho 44 anni e prima di iniziare questo percorso di 8-9 mesi con Daniele Esposito e il Metodo, avevo dei problemi di grasso localizzato, principalmente sui fianchi e nell’addome. Ho provato vari metodi, diverse diete, non mangiavo, o lo facevo male, e fino a quando sono arrivato qui ed ho conosciuto Daniele. L’ho conosciuto su Facebook, e l’ho considerato, inizialmente lo dico, “uno dei tanti”. Non c’è solo lui con Il Metodo, ce ne sono tantissimi, però iniziato a seguirlo, e l’ho fatto per circa sei mesi, i quali mi hanno permesso di vedere che cosa faceva, e soprattutto con chi lo faceva. Fra questi, c’erano quattro miei amici, che non si conoscevano fra di loro. Ho fatto qualche telefonata e tutti mi hanno detto la stessa cosa: “è una bravissima persona”. Oggi, dopo nove mesi, aggiungerei: “è anche un grande professionista”. Faccio una premessa fondamentale: non credevo di arrivare a questi risultati, e non sono niente, perché mi aspetta un nuovo anno, però sono riuscito a perdere una decina di kg, forse anche 14 kg, ma sono riuscito a perderli dove li volevo perdere, e li ho messi dove volevo. Sono venuto qui per un motivo molto semplice: “odio prendere medicinali”. A 43 anni mi avevano dato la pillola della pressione. Mi sono allenato per anni, ho seguito tantissimi allenamenti, giocavo a rugby, ho fatto canottaggio. Il medico mi ha detto che dovevo fare movimento per perdere kg, ed oggi vi posso garantire che non prendo più la pillola per la pressione, anzi la pressione è scesa e so anche come contenerla, vale a dire che se esagero un pochettino, so cosa devo fare per farmi abbassare la pressione: “bere tanta acqua”. Il Metodo, lo dice la parola stessa, è un metodo, e va fatto suo. Una volta che lo fai tuo, lo consiglierei a tutti, indipendentemente da come e per quanto tempo lo si fa. Una volta che si capisce, e dopo aver ottenuto i risultati, si può anche fare “lo sgarro”, però si sa come ritornare un’altra volta e recuperare quello che si è fatto, anche perché con “uno sgarro” non succede niente, ma io “sgarravo” tutti i giorni. Voglio ringraziare Daniele Esposito, perché ho conosciuto il professionista, ma soprattutto ho conosciuto l’uomo, l’uomo che lavora 25 ore su 24, anche da casa, al telefono, dal computer, in un modo o nell’altro sta lavorando, e sta cercando come far capire agli altri che il Metodo è suo, fatevene una ragione.